mercoledì 30 aprile 2008

Rush - Snakes & Arrows Live


















Artist: Rush
Title: Snakes & Arrows Live
Genre: Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: 2CD

Testi di Rush

Snakes & Arrows Live, mastodontica prova on stage per i Rush, dove i loro classico pro-rock, risulta ancora più forte e incisivo!! (2CD). I canadesi Rush non hanno ancora intenzione di fermare la loro potente macchina prog-rock, e dopo 20'anni di onorata carriera, danno alle stampe un'altro doppio documento live; Snakes & Arrows Live (2CD).

Nel doppio cd ci sono molte tracce, (9) dal loro recente Snakes & Arrows, e alcuni classici come le immancabili; Mission, Tom Sawyer, Spirit Of Radio e Limelight, tutti largamente migliorati, grazie anche alla potente performance dei tre, ed a un suono che risulta nitido, ad alta definizione, e che migliora di gran lunga tutti i loro precedenti album live. Altri brani di spicco sono l'eccellente versione di Entre Nous e Freewill, anche se già presenti in altri tre precedenti album dal vivo. Se All the World's a Stage del 1987 era stato un capolavoro in assoluto, questo Snakes & Arrows Live è senza ombra di dubbio due spanne sopra. Per chi ha visto il loro ultimo tour, (a Milano il 23 Ottobre scorso) e ancora in corso, questo album sarà il piacevole ricordo di un grande concerto.

Tracklist:

Disc: 1
1. Limelight
2. Digital Man
3. Entre Nous
4. Mission
5. Freewill
6. Main Monkey Business
7. Larger Bowl
8. Secret Touch
9. Circumstances
10. Between The Wheels
11. Dreamline
12. Far Cry
13. Workin' Them Angels
14. Armor And Sword

Disc: 2
1. Spindrift
2. Way The Wind Blows
3. Subdivisions
4. Natural Science
5. Witch Hunt
6. Malignant Narcissism
7. Hope
8. Distant Early Warning
9. Spirit Of Radio
10. Tom Sawyer
11. One Little Victory
12. Passage To Bangkok
13. YYZ

Testi di Rush

Steve Winwood - Nine Lives


















Artist: Steve Winwood
Title: Nine Lives
Genre: Rock, R&b, Soul
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Steve Winwood

Caro vecchio Steve, 60'anni il 12 maggio). Eravamo tutti in trepida attesa, e aspettavano con ansia un tuo nuovo disco.
E dopo cinque anni di silenzio, ecco il regalo: Nine Lives, nove vite come i gatti, nove vite che qui corrispondono a 9 nuovi brani, realizzati in compagnia di alcuni amici come Eric Clapton, con cui Steve condivide un'amicizia vecchia 55 anni, e la convivenza in due progetti ai suoi tempi rivoluzionari: i Powerhouse negli anni 60, con cui traghettarono il blues nel futuro, e i Blind Faith, la prima grande superband della storia del rock.

Ed ora, i giorni nostri, con i due vecchi amici insieme per tre serate sold-out al Madison Square Garden, il 19, febbraio 2008, e la promessa di collaborare su questo disco. Naturalmente, si tratta di un album in totale stile Winwood. Non aspettatevi troppo, nel senso che Nine Lives non segue mode o classifiche, la sua musica va oltre, ben oltre, è un ripasso sottile, pieno di passato, un passato importante e glorioso, e di presente, perch Winwood nonostante i cinque anni di attesa è sempre stato presente. Ed echi di tutto questo li possiamo trovare in alcune tracce come Fly legata indelebilmente al mondo dei Traffic, o in Dirty City, dove la chitarra di Clapton ci riporta al tempo dei Blind Faith.

In altre parole, mentre le canzoni di questo album saranno un vero toccasana per i nostalgici del rock anni 70/80, potrebbe non esserlo per chi da un nuovo album oggi cerca la canzone mielosa o da classifica, magari con qualche feat. di colore a rapparci sopra, o la produzione di Timbaland. Mentre Nine Lives ha un deciso taglio antico, pieno di spunti che attraversano 50'anni di rock, vissuti da Steve intensamente e come protagonista, con tracce che per essere vere e complete, non sono mai al di sotto dei cinque minuti. Ben tornato Steve!!
In uscita il (5 Maggio 2008)

Track Listings

Disc: 1
1. I'm Not Drowning
2. Fly
3. Raging Sea
4. Dirty City
5. We're All Looking
6. Hungry Man
7. Secrets
8. At Times We Do Forget
9. Other Shore

Disc: 2
1. 40 minuti di performances realizzate in studio con interviste. Più il video di "Dirty City".

Review
For a guy who’s been making hit records since his teenage years, Steve Winwood has always tended to keep a curiously low profile; even while he was releasing chart-topping records like 1988’s Roll With It – emblazoned with his face and “WINWOOD” on the cover – his hits were associated more with, say, Michelob than anything to do with the man making the music. He’s always been more of a musician than a rock star, which has probably helped steer him away from the spectacular highs and lows of his peers – a person could build a strong argument for Winwood’s output, solo and otherwise, as the most consistent body of work assembled by any of the rock gods who came out of the ‘60s.

Still, he hasn’t been immune to trends – especially during the ‘80s. The swan song of corporate rock seduced even the most strong-willed of rock’s founding fathers, luring them out to sea with promises of continued relevancy and riches, only to leave them gasping for breath in the cutout bins, their names attached to horrible dreck like Bob Dylan’s Down in the Groove or Clapton’s Behind the Sun. Winwood suffered the misfortune of assembling a beautiful mid-‘80s solo record (1986’s Back in the High Life) with serious yuppie appeal; the resultant sales explosion sent him wandering off in search of more and bigger hits for over a decade, via increasingly dull solo albums such as 1990’s Refugees of the Heart and 1997’s dreadful, Narada Michael Walden-produced Junction Seven. By the turn of the century, a new Winwood record was the furthest thing from most people’s minds – which is probably just the way he likes it.

Solid as most of Winwood’s solo output has been, many longtime fans never stopped hoping for a return to the organ-heavy, jam-friendly sounds of his early sides with the Spencer Davis Group and Traffic, and those hopes finally paid off with 2003’s About Time, which found Winwood making a 180-degree turn away from the well-groomed balladry of his most recent releases and toward longer, looser, and more complex rock & roll. The move paid off – although About Time was independently released on Winwood’s own Wincraft label, the album enjoyed a higher profile than anything he’d released in years, and earned him some of the most positive reviews of his solo career – as well as expanding (and reducing the average age of) his audience.

Testi di Steve Winwood

lunedì 28 aprile 2008

Emerson Lake & Palmer - Come & See The Show


















Artist: Emerson Lake & Palmer
Title: Come & See The Show
Genre: Prog Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD
Total Runtime: 61:08 min

Per delineare al meglio una raccolta degna del repertorio del trio prog-rock più importante di tutti i tempi, non basterebbero 10 cd. Come & See The Show degli Emerson Lake & Palmer, mescola così al meglio possibile, i brani significativi della band, introducendo l'ascoltatore nel prog-rock del supergruppo inglese, attraverso alcuni hit single, Gerusalemme, Lucky Man, e materiale classico, che va da From The Beginning, Knife-Edge, Tank, fino al live di Peter Gunn Theme. Quando il virtuosismo era al servizio della musica, e produceva cose buone!!

Tracklist:

1. C'est La Vie (4:19)
2. Fanfare For The Common Man (9:45)
3. From The Beginning (4:16)
4. Hoedown (3:47)
5. I Believe In Father Christmas (3:34)
6. Jerusalem (2:47)
7. Karn Evil 9: 1st Impression - Part 2 (4:50)
8. Knife-Edge (5:07)
9. Lucky Man (4:39)
10. Nutrocker (Live) (4:27)
11. Peter Gunn (Live) (3:41)
12. Still...You Turn Me On (2:55)
13. Tank (6:51)
14. Toccata (Live) (7:26)

Review
Though die-hard fans might say you couldn't define Emerson Lake & Palmer in anything less than a 10-CD box set, this two-CD collection is the best possible introduction to the prog-rock supergroup, mixing hit singles, live anthems and classic material ranging all the way from "Jerusalem" to the "Peter Gunn Theme".

domenica 27 aprile 2008

The Cab - Whisper War


















Artist: The Cab
Title: Whisper War
Genre: Pop Rock
Label: Atlantic/Fueled By Ramen
Release Year: 2007
Type: New release
Audio: CD
Total Runtime: 44:19 min

Testi di The Cab

I The Cab arrivano al loro primo album Whisper War, un power pop- rock a metà tra Fall Out Boy, Panic! At The Disco e Maroon 5. Il disco risulta decisamente ben fatto e piacevole, e presenta nelle 12 tracce alcune buione canzoni, tra cui le poppeggianti That 70's Song e High Hopes In Velvet Ropes, alternate a brani più duri come l'introduttiva One Of Those Nights e Zzzzz. Realizzato sul finire dell'anno scorso, il disco vede la produzione di Patrick Stump (Fall Out Boy).
Per i The Cab la guerra è sicuramente già scoppiata!
In uscita il (29 aprile 2008)

Track List

01. One Of Those Nights ( 3:48)
02. Bounce ( 3:34)
03. I'll Run ( 3:46)
04. High Hopes In Velvet Ropes ( 3:22)
05. That 70's Song ( 3:33)
06. Take My Hand ( 3:27)
07. Risky Business ( 3:35)
08. I'm A Wonder ( 3:33)
09. Zzzzz ( 3:38)
10. Vegas Nights ( 4:37)
11. Can You Keep A Secret? ( 3:50)
12. This City Is Contagious ( 3:36)

Review
Up-and-comers The Cab may have gotten signed to Decaydence/Fueled By Ramen on the recommendation of fellow Las Vegas band Panic! At The Disco, but their sound - a soulful melange of punk, pop, and rock - is all their own. In October of 2007, they put together their eagerly awaited debut album, Whipser War. With influences ranging from Justin Timberlake and Maroon 5 to Blink-182, and additional producing by Fall Out Boy's Patrick Stump, Whisper War is sure to have something for every listener.

Testi di The Cab

venerdì 25 aprile 2008

Def Leppard - Songs From The Sparkle Lounge


















Artist: Def Leppard
Title: Songs From The Sparkle Lounge
Genre: Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Def Leppard

Decimo album Songs From The Sparkle Lounge per la rockers band dei Def Leppard.
Le canzoni di questo nuovo album dei Def Leppard, segnano una decisa virata verso suoni più hard-rocking, per indenderci quelli dei primi album, (Pyromania, Hysteria) e quindi un definitivo abbandono di quel adult pop-rock, che ha caratterizzato la produzione dgli ultimi 10 anni. Registrato l'anno scorso nello studio privato del cantante Joe Elliott a Dublino, vede gli stessi Leppard alla produzione, con l'aiuto di Ronan McHugh. Il disco è un mix tra vecchie sonorità alla Def, e tracce influenzate dal suono a metà strada tra AC/DC e Aerosmith. Il disco include il singolo 'Nine Lives', che si caratterizza per l'insolita partecipazione del cantante country Tim McGraw.
In uscita il (5 Maggio 2008)

Track Listings

1. Go
2. Nine Lives - Def Leppard, Tim McGraw
3. C'mon C'mon
4. Love
5. Tomorrow
6. Cruise Control
7. Hallucinate
8. Only The Good Die Young
9. Bad Actress
10. Come Undone
11. Gotta Let It Go
12. Love

Review
Def Leppard is one of the few ‘80s metal bands with a reputation that far transcends their genre, having wisely sidestepped the stigma of big hair and focused instead on big production, big riffs, and big hooks. Though their sales in the 21st century haven’t come anywhere close to approaching the ridiculous number of units they shifted in the late ‘80s, when they released Hysteria – believe it or not, that record has now officially passed the 20 million mark in sales – the group has settled into a comfortable groove where they release a new album every two or three years and tour the world in support of it…and if summer rolls around and they don’t have a new album, well, by God, they still go on tour!

Though the band’s last collection of originals, 2002’s X, was less than exhilarating, their 2006 covers album Yeah! found DefLep sounding thoroughly reinvigorated as they roared through their versions of the songs that made them want to be rock stars in the first place. As such, excitement was running rather high that their next album would be among the strongest of their career, and when the Sgt. Pepper-inspired cover art was released, it only served to heighten the anticipation. But, then, the word leaked out that the album would feature a collaboration with Tim McGraw…and, suddenly, Songs from the Sparkle Lounge began to sound a whole lot less interesting.

Def Leppard are in a very unique position in the music industry, having managed to maintain enough sales momentum over the decades to keep their major-label deal with Mercury while their peers do stints in lesser locations like CMC International, SPV, and Frontiers Records. The band’s decision to work the Wal-Marts and make the state fair rounds was an undeniably savvy marketing move, playing to the locations where they could arguably find the most fans; unfortunately, when Yeah! was released, Mercury stuck it to those same fans by offering different bonus tracks to different retailers…and, worse, Def Leppard went along with it. Target, Best Buy, WalMart, and iTunes each tacked unique inclusions onto their copies of the album, and the band held a prize giveaway on their website that could only be entered by the fans that were willing buy a copy of Yeah! from each location. The result: Def Leppard’s 10th consecutive Top 20 album.

This leads us to pose a very disconcerting question: how much of this album’s sound was decided by Def Leppard, and how much was decided by a marketing committee at Mercury Records?

Maybe that’s too cynical, but at the very least, it’s clear that the track listing has been structured in an attempt to win new fans rather than please those who’ve stuck by the band. Songs from the Sparkle Lounge kicks off with “Go,” one of the least successful album openers in the band’s career; despite its grinding guitars and pounding drum beat, the song offers precious little in the way of a hook, instead only seeming to shout, “Listen to us as we hold our own with today’s hard-rock artists!” Next up is “Nine Lives,” the aforementioned Tim McGraw collaboration, which starts with the requisite twang that’s inevitable with such a pairing, but after a great pre-chorus, the song’s actual chorus is a complete bore; it’s therefore nothing more than a testament to the power of name recognition in marketing that the track was selected to be used as the opening for ABC’s NBA broadcasts this season. Left languishing in the #3 slot is “C’mon, C’mon,” a glam-rock stomper equipped with lyrics that would’ve made so much better a starting point for the record (“Baby, baby, won’t you give me a good time? / Squeeze me, please me, make it feel like the last time”) that one can’t imagine it wasn’t originally intended as such by the band.

From there, things settle into a familiar Def Leppard groove that the faithful will no doubt appreciate. “Tomorrow” and “Hallucinate” are classic melodic rockers, “Love” is a Queen-inspired ballad which explodes into a symphony of riffs and harmonies just after the three-minute mark, and “Only the Good Die Young” (not the Billy Joel song) is one of the catchiest pop-rock songs that the band has delivered in years. “Bad Actress,” meanwhile, succeeds everywhere that “Go” fails, with the group completely kicking out the jams and sounding more energized than they have in years. Despite these victories, however, Songs from the Sparkle Lounge still occasionally suffers from many of the same problems that plagued X, feeling like Def Leppard by the numbers more often than it should…but does the fault lie with the band, feeling like they need to stick perilously close to their established sound to keep their fans happy, or is Mercury to blame because the familiar is easier for them to market? (The probable answer: a little from Column A, a little from Column B.)

It’s a fair bet that the commercial success of “Nine Lives” will earn the band at least one more album for Mercury; one only hopes it will end up sounding more like a Def Leppard album and less like a Def Leppard product.

Testi di Def Leppard

Alannah Myles - Black Velvet


















Artist: Alannah Myles
Title: Black Velvet
Genre: Pop Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Alannah Myles

Nuovo cd per la rocker Canadese Alannah Myles, dove il grande hits del 1989 "Black Velvet" da il titolo all'album.

Nel 1989 con "Black Velvet" Alannah spopolò nelle classifiche di mezzo mondo, ora quella canzone, da il la per mettere insieme un nuovo album "Black Velvet" appunto (il sesto della sua discografia). La canzone viene riveduta e corretta, così come tutto il sound del cd, dove le chitarre rock, "notoriamente anima e corpo della musica della Myles", lasciano il posto all'elettronica, e a groove rittmici comunque efficaci.

Il disco a questo punto, suona ovviamente pop, senza però perdere in forza o incisività, e canzoni come "Prime Of My Life", "Give Me Love" o "Leave It Alone", dai ritmi cadenzati e ipnotici, ne escono con notevole dignità. "Faces In The Crowd" è la ballata di turno, acustica e sentita, specialemente nell'interpretazione vocale. Il lavoro nella sua totalità, ci riporta una Alannah Myles (dopo dieci anni di assenza) aggiornata un pò tutto, suoni e stile, dove, si il pop ha preso il soppravvento, ma facendo di "Black Velvet" un ottimo risultato.
In uscita il (14 Aprile 2008) Import

Track Listings

1. Black Velvet
2. Comment Ca Va
3. Prime Of My Life
4. Only Wings
5. Leave It Alone
6. Anywhere But Home
7. Faces In The Crowd
8. Give Me Love
9. What Is Love
10. I Love You
11. Trouble

Testi di Alannah Myles

sabato 19 aprile 2008

Gianluca Grignani - Cammina nel Sole


















Artist: Gianluca Grignani
Title: Cammina nel Sole
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Gianluca Grignani

Sono 13 anni che Grignani scrive e canta le sue canzoni, da quel 1995 che lo consacrò come nuovo fenomeno della musica leggera italiana. Ora Gianluca torna dopo due anni di assenza e lo fa in maniera strepitosa. Cammina nel Sole non è solo il titolo dell’acclamatissimo brano sanremese, ma anche il nome dell’intero progetto. L’album, prodotto in maniera sapiente da Fio Zanotti, vede il cantante milanese destreggiarsi profondo e sincero tra tematiche intimistiche e sguardi disincantati sul mondo che ci circonda. Giunto alla giusta maturazione, Gianluca Grignani entra nel novero dei cantautori dotati di maggiore spessore e personalità. Guest star del disco: Dodi Battaglia dei Pooh, Stefano Brandoni e Saturnino.

Tracklist

1. Ribellione
2. Cammina nel Sole
3. Francy
4. Cuore randagio
5. Tutti gli angeli giù
6. L'acqua nel deserto
7. Vuoi vedere che ti amo
8. Rugiada del mattino
9. Hey mister
10. E mi manchi da morire
11. Ciao e arrivederci

Testi di Gianluca Grignani

venerdì 18 aprile 2008

ABC - Traffic



















Artist: ABC
Title: Traffic
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di ABC

Gli ABC, sono una delle più originali e significative band degli anni 80. Durante il lavoro di re-release di uno dei loro dischi più importanti Lexicon Of Love, il cantante Martin Fry si è reso conto che il momento, e il panorama musicale fosse favorevoli per un nuovo album dei ABC. E in pochi mesi di lavoro, ecco il risultato: Traffic, 12 brani di cui Fry è molto soddisfatto. Le canzoni sono un vero e proprio lavoro fatto con amore e passione, e non c'è nessuna canzone che non goda di una forte ispirazione.

The Very First Time è il primo di una serie di brani scritti da Fry mentre era in vacanza l'anno scorso in America, mentre Sixteen Seconds To Choose è stato scritto in autobus, mentre erano in tour in Europa, e la canzone riflette su come la vita corra veloce nel 21° secolo. Fry dice del nuovo album: "E' un disco cosmopolita e contemporaneo, la conostoria dei viaggi che migliaia di persone stanno facendo oggi nel mondo, attraverso i propri spostamenti o Internet, passando dal passato al presente, dal presente al futuro."
In uscita il (28 Aprile 2008)

Track Listings

1. Sixteen Seconds To Choose
2. The Very First Time
3. Ride
4. Love Is Strong
5. Caroline
6. Life Shapes You
7. One Way Traffic
8. Way Back When
9. Validation
10. Lose Yourself
11. Fugitives
12. Minus Love

Review
ABC, one of the most original and enduring bands of the last three decades, are back with a brand new album. Following the re-release of a Special Edition of the iconic album `Lexicon of Love' in 2004, lead singer Martin Fry is delighted with the new material. "TRAFFIC is 12 brand new songs, and in 2008 it's a real privilege to be able to compete after 25 years of making music," he says. "These days there has to be a good reason to release an ABC record. It's a real labour of love. There's no point in writing a song unless you are inspired."

`The Very First Time' is one of a number of tracks written whilst touring America last year, while `16 Seconds' was written on a tour bus in Europe and reflects on how fast life is in the 21st century. Fry says of the new album "It's a cosmopolitan record and it's about today - about the journeys people are making today, country to country, internet traffic, human traffic, moving from the past to the present to the future."

Testi di ABC

martedì 15 aprile 2008

Phantom Planet - Raise the Dead


















Artist: Phantom Planet
Title: Raise the Dead
Genre: Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Phantom Planet

Album nuovo per i Phantom Planet (quelli di California), la canzone tema del telefilm TV The O.C.) che li ha proiettati di colpo alla popolarità internazionale. Così si continua anche in questo Raise the Dead, con la loro combinazione tra pop melodico e indie rock, che tanto aveva caratterizzato il primo fortunato album, e che qui troviamo in brani come Do the Panic, Demon Daughters e Yourself for Somebody Else. Chiara è anche la volontà di cercare un'altra California, ma si sà: nella vita la fortuna ha già bussato una volta alla loro porta, e due ci sembrerebbe davvero troppo!! L'album comunque è bello, le canzoni suonano abbastanza rock per accattivarsi un pubblico abbastanza rock: Raise the Dead e Ship Lost at Sea. Ma allo stesso tempo suona anche pop, Dropped e Leader, così per accaparrarsi anche il più vastissimo pubblico poppettaro, attento solo alle top ten, twenty o forty, ecc.
In uscita il (15 Aprile 2008)

Tracklist:

1. Raise the Dead
2. Dropped
3. Leader
4. Do the Panic
5. Quarantine
6. Ship Lost at Sea
7. Demon Daughters
8. Geronimo
9. Too Much Too Often
10. Confess
11. Leave Yourself for Somebody Else
12. I Don't Mind

Review
Phantom Planet discovered the joys of rockin' out on their third, self-titled album, which felt designed to move them as far away from the piano-driven pop of The Guest as they could get. Four years later, they keep the volume turned up on Raise the Dead, also their first album for Fueled by Ramen. Their anthemic, rowdy sound makes a lot more sense on this label than it did on their previous imprints, and Phantom Planet just seem more comfortable all around on Raise the Dead. Their outbursts are more natural here than they were on Phantom Planet, especially on "Raise the Dead," where they feel completely in control of how the song moves from brisk acoustic guitars to a huge swell of strings and guitars. And even if they still don't go near The Guest's wistful ballad territory — "Quarantine" bares its broken heart with an edge, and "I Don't Mind" is more bouncy than brooding — Phantom Planet balance their brash side with their pop roots with a lot more flair. "Do the Panic"'s rough-and-tumble keyboards and guitars end up falling into place perfectly, "Ship Lost at Sea"'s piston-like drums are pushy and cute at the same time, and "Dropped" feels like a more polished sequel to Phantom Planet's "Bad Business." "Leave Yourself for Somebody Else" is Raise the Dead's purest pop moment, a bracing three minutes' worth of hooks, harmonies, and impatient rhythms. As comfortable as the band sounds on Raise the Dead, it isn't perfect: the chorus of children on "Leader" teeters between charming and cloying, and a few of the later songs, including "Demon Daughters" and "Geronimo," cross the line from loud and rambunctious to just plain screechy. Even with a few stumbles, Raise the Dead is among Phantom Planet's most enjoyable albums. by Heather Phares

Testi di Phantom Planet

sabato 12 aprile 2008

Guillemots - Red


















Artist: Guillemots
Title: Red
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New Release
Audio: CD

Testi di Guillemots

Guidati dal songwriter Fyfe Dangerfield, il melodico indie-pop combo dei Guillemots arrivano al secondo album. Red, come il precedente Through The Window Pane, mantiene inalterato il loro ottimismo, espresso attraverso liriche ineggianti alla positività, e nel songwriting delle canzoni, dove l'abilità strumentale espressa mette in evidenza un notevole potenziale nello scrivere canzoni ben oltre la musica pop. Il singolo Get Over It (in advance all'album) ne è un valido esempio. I brani di questo Red, si manifestano a volte complessi a volte easy, ma tutti e dico tutti, hanno dentro sè quel qual'cosa che li rende interessanti, innovativi e piacevoli ad ogni ascolto. Registrato in gran parte in uno studio nella East London, l'album vede la co-produzione Adam Noble, già con gli U2.

Track Listings

1. Kriss Kross
2. Big Dog
3. Falling Out Of Reach
4. Get Over It
5. Clarion
6. Last Kiss
7. Cockateels
8. Words
9. Standing On The Last Star
10. Don't Look Down
11. Take Me Home

Review
It can be difficult to know how to condition yourself as a Guillemots fan. First there was Through the Windowpane, a great English pop record full of classy melodrama and widescreen elation, then there were the wilfully eccentric live shows, known to descend into mind-boggling bouts of freeform jazz bombast. And now there is Red, yet another altogether different dragon. You can talk about forcing a square where a circle should be, but this is more like teasing a dodecahedron through a drinking straw. And yet with slick feline agility they somehow wriggle through with little resistance. To get a measure of the differences, penultimate track "Don't Look Down" is one of a few that holds a torch for the first record, leading in with the keyboard twinkles and filmic slow pace, but implodes midway like a fully-laden milk float combusting, and comes out the other side like the Annie cast on helium set to a drum 'n' bass beat. Amazingly, it's as palatable as ever. But that's just for starters. "Kriss Kross" is the hitherto undiscovered melding point between 2Unlimited (of brief 90s techno infamy) and The New Radicals' chiming pop, "Big Dog" is bright lights arena R&B, robotic seduction with a Jacko scream at its heart, "Get over It" is glittery, steroid pumped modern glam and "Last Kiss" is Tubular Bells with distorted bass funnelled into a rave anthem. The whole album's a curveball, but the quality of the songs is undimming and maybe we just got a little closer to discovering what Guillemots quintessentially are. Or maybe not.

Led by songwriter Fyfe Dangerfield, the melodic indie misfits Guillemots second LP 'Red' retains their buoyant optimismand instrumental prowess, but introduces a new-found confidence. Lead single 'Get Over It' is a prime example of this, as are several other more exuberant tracks on this release. Recorded mostly in an East London synagogue and co-produced (alongside the band) by U2 collaborator Adam Noble, 'Red' isan album of pure, attention-grabbing pop songs that marks adirectional departure for its authors.
James Berry

Testi di Gulliemots

Ladytron - Velocifero


















Artist: Ladytron
Title: Velocifero
Genre: Electropop
Release Year: 2008
Type: New Release
Audio: CD

Testi di Ladytron

Nuovo album Velocifero, per questo duo elettro-pop dei Ladytron. Niente da far gridare al miracolo, niente di nuovo sotto il sole, ma le tracce sono buone. Il suono è una miscelanea di anni 60 mixato con l'ettro-pop degli anni 80: Gary Neuman, Depeche, e con i Goldfrapp ben piantati in testa. Il risultato: tredici canzoni che danno vita ad un disco apparentemente cupo, ma che dopo ripetuti ascolti svela il suo lato piacevole. Alcune tracce sono penalizzate dalla mancanza di una linea vocale più immediata, quelle che ti si piantano in testa, fatta esclusione per Burning Up e The Lovers.
In uscita il (2 Giugno 2008)

Track Listings

1. Black Cat
2. Ghosts
3. I'm Not Scared
4. Runaway
5. Season of Illusions
6. Nurning Up
7. Kletva
8. They Gave You a Heart, They Gave You a Name
9. Predict the Day
10. Lovers
11. Deep Blue
12. Tomorrow
13. Versus

Review
It is a very good album, with no fillers. Ive heard too many average electronic albums lately. This album got me buzzing again, wicked synths, great melodies, feel good chorus's. Track 11's bassline shook my car! if you like Ladytron, you'll love this album, if you like electronic dance music you'll love it anyway.
Preston

Testi di Ladytron

Chaka Khan - All The Hits Live


















Artist: Chaka Khan
Title: All The Hits Live
Genre: R&B, soul, funk
Release Year: 2008
Type: New Release
Audio: CD

Testi di Chaka Khan

Tra le tante cantanti funk-soul americane che possono vantare una carriera lunga - ma sempre ad altissimo livello - possiamo senza ombra di dubbio fate il nome di Chaka Khan!! Dagli inizi con i Rufus e a seguire come solista, Chaka ha sempre mantenuto uno standar qualitativo di altissimo livello, con dischi mai al di sotto della media e sempre in grado di muoversi senza nessuna difficolta tra tutti i generi possibili: Funk, soul, pop, r&b e jazz. Per non parlare poi delle sue prestazioni live, un esplosione di vocalità, talento, e una grinta mai domata nonostante gli anni di carriera e la non più giovane età.

Questo "All The Hits Live" ne è una dimostrazione, di come la musica nera americana (Dai classici, al proprio repertorio) nelle corde di cantanti di tale levatura, abbia sempre qual'cosa in sè di nuovo, e dove groove, sudore, ritmo e una carica sensuale innata, viva e faccia esplodere la sua forza in ogni brano. Qui La signora Khan si da anima e corpo alla scaletta, iniziando con I Feel For You, donatale a suo tempo dal Principe di Minneapolis (Prince) passando da Aint Nobody, del periodo con i Rufus, ai classici americani My Funny Valentine, dal cd ClassicKhan del 2004, al funk di ultima generazione di You Got The Love, dall'ultimo album Funk This, uscito nel 2007. E in chiusura l'hits Im Every Woman.

Track List

1. I Feel For You 3:42
2. Aint Nobody 5:19
3. Everlasting Love 4:48
4. Hollywood 4:17
5. Pack My Bags 4:26
6. My Funny Valentine 4:22
7. Through The Fire 8:45
8. Once You Get Started 3:17
9. Stay 2:14
10.You Got The Love 4:54
11.Tell Me Something Good 2:39
12.Sweet Thing 16:50
13.Im Every Woman 5:05

Testi di Chaka Khan

REM - Around The Sun


















Artist: REM
Title: Around The Sun
Genre: Rock
Release Year: 2005
Type: New Release
Audio: CD

Testi di REM

Rieccoli. Visionari e sognanti come sempre nella loro musica, ma con testi questa volta ben ancorati a terra. A quella terra di Iraq martoriata da una guerra assurda (come tutte le guerre) dominata da orgoglio e vendetta. Un impegno concreto per Micheal Stipe e soci è quello di mandare a casa Bush, considerandolo una vera e propria questione di vita o di morte. Ogni album dei REM è un evento, ma questa volta l'impegno sociale che stà dietro ad Around the sun rende il disco ancora più importante. Sicuramente questo è il cd più politico della band americana, come si può notare già dal singolo Leaving New York, che apre il disco ricordando gli avvenimenti che hanno condizionato il mondo.

Dal punto di vista musicale i REM sono impeccabili come sempre. Il singolo ricorda per certi versi i tempi d'oro di Automatic for the people ed in particolare il brano Drive. Ma la forza dei REM sono sempre state le melodie ed anche in questo caso brani come The Outsiders o Wanderlust prestano fede alla tradizione, e non mancano neanche il momento più intimo e sognante sulle note del pianoforte Make it all ok e la malinconia profusa dalla chitarra acustica di stampo country Final Straw. Ma è la title-track che chiudendo l'album riassume sia musicalmente che liricamente tutto lo spirito pacifista dei REM applicato al significato di questo album. Around the sun è insomma un disco importante per tutti i motivi già citati ed anche per il ritorno a quello stile che aveva contraddistinto i tempi d'oro della band.

Tracklist

1 Leaving New York
2 Electron Blue
3 The Outsiders
4 Make It All Ok
5 Final Straw
6 I Wanted To Be Strong
7 Wanderlust
8 Boy In The Well
9 Aftermath
10 High Speed Train
11 The Worst Joke Over
12 The Ascent Of Man
13 Around The Sun

Testi di REM

R.E.M. - In Time: The Best of REM 1988 - 2003


















Artist: REM
Title: In Time: The Best of REM 1988 - 2003
Genre: Rock
Release Year: 2003
Type: Collection
Audio: CD

Testi di REM

Spesso i best non sono dei gran dischi: presi dall'obiettivo di rappresentare tutta una carriera, possono risentire di una certa disomogeneità e in generale risultare inferiori a dischi magari meno pieni di singoli ma più armoniosi nel loro complesso. Il rischio c'era anche per i R.E.M.: quindici anni da rappresentare non sono pochi, anni durante i quali perdipiù il sound della band di Athens è cambiato parecchio (basta confrontare 'Green', il primo con la Warner, e 'Reveal', l'ultimo). Ed invece 'In time' è un album propriamente R.E.M., con un sound identificabile e mai tradito dall'inizio alla fine, tanto che per un ascoltatore poco esperto può risultare molto difficile capire quali brani sono del 1988 e quali del 2000. E' un album che, tutto sommato, sceglie davvero il meglio e addirittura a volte lo rivaluta, gli dà nuovo spessore, come avviene nel bonus cd (comprate la versione doppia, ne vale veramente la pena).

Stiamo rischiando di farla lunga, e il nostro obiettivo è invece essere sempre agili e sintetici. E allora non rimane molto altro da dire: la perla che riassume veramente 15 anni di produzione di altissimo livello, dove i R.E.M. si ridanno al rock più puro e trascinante dei primi tempi (il quasi inedito 'Bad day', ritorno all'antico, ne è l'emblema). Un disco che non può mancare in nessuna casa.

Tracklist:

1. Man on the moon
2. The great beyond
3. Bad day
4. What's the frequency, Kenneth?
5. All the way to Reno
6. Losing my religion
7. E-bow the letter
8. Orange crush
9. Imitation of life
10. Daysleeper
11. Animal
12. The sidewinder sleeps tonite
13. Stand
14. Electrolite
15. All the right friends
16. Everybody hurts
17. At my most beautiful
18. Nightswimming

BONUS CD
1. Pop song '89 (acoustic)
2. Turn you inside-out (live)
3. Fretless
4. Chance (dub)
5. It's a free world baby
6. Drive (live)
7. Star me kitten (featuring W.S. Burroughs)
8. Revolution
9. Leave (alternative version)
10. Why not smile (alternative version)
11. The lifting (demo)
12. Beat a drum (demo)
13. 2JN
14. The one I love (live)
15. Country feedback (live)

Testi di REM

REM - Up


















Artist: REM
Title: Up
Genre: Rock
Release Year: 2005
Type: New release
Audio: CD

Testi di REM

Strano destino, quello dei R.E.M.: nel 1996 realizzano un album come "New Adventures in Hi-Fi", che ha tutti i crismi della genialità, ma che passa generalmente inosservato. Due anni dopo se ne escono con Up, che è altrettanto geniale, ma anche assai più difficile e meno immediato all'ascolto; il risultato, stavolta, è un successo unanime di critica e di pubblico.

Quest'album stupisce infatti non solo per la compattezza della sua composizione, ma anche per il suo coraggio nell'affrontare soluzioni musicali nuove ed ardite che ormai sono parte integrante del patrimonio tecnico del gruppo di Athens. Costante nelle canzoni dell'album la presenza del mellotron, delle sezioni di archi 'ripassate' al sintetizzatore, di loop percussivi estremamente sofisticati e della chitarra super-distorta di Peter Buck. Con questi strumenti a disposizione, i R.E.M. hanno creato un album che da un lato presenta un feeling estremamente omogeneo, fatto di sonorità rarefatte e scelte minimaliste negli arrangiamenti, ma che dall'altro si fa notare per un trasformismo che mima i generi musicali più diversi: dal glam-rock di Lotus alle atmosfere straniate di Airportman e Why not smile, dalle canzoni 'politiche' come Hope e Daysleeper fino alle ballate semplici solo in apparenza: At my most beautiful e Walk unafraid su tutte. Trovare la classica perla in "Up" è un'impresa difficile, così come per fortuna lo è imbattersi in momenti meno convincenti: ciò che rende straordinario quest'album è il suo coraggio musicale, fatto di una concezione intellettuale della musica talmente forte da trasformarsi in genuina emozione.

Track Listings

1. Airportsman
2. Lotus
3. Suspicion
4. Hope
5. At My Most Beautiful
6. Apologist
7. Sad Professor
8. You're In the Air
9. Walk Unafraid
10. Why Not Smile
11. Daysleeper
12. Diminished
13. Parakeet
14. Falls to Climb

Testi di REM

REM - Reveal


















Artist: REM
Title: Reveal
Genre: Rock
Release Year: 2001
Type: New release
Audio: CD

Testi di REM

L’inizio del nuovo secolo non stato un periodo positivo per i grandi della musica rock. Frastornati dal passaggio di consegne o dalla improbabile responsabilità di dover dar voce a eventuali cambiamenti. Nel giro di pochi mesi sono caduti prima gli U2, poi Dave Matthews ed ora i REM, artisti che in passato si proponevano come punti di riferimento ad ogni nuova uscita.

Reveal era stato presentato come il disco dell’estate, positivo ed arioso, ma la sua leggerezza ha finito per atterrare una volta esaurita la spinta del singolo “Imitation of life”, peraltro bella e perfetta pop song. Al di là di qualche classica ballata in stile REM (All the way to Reno, She just wants to be, Beat a drum) e di I’ve been high, una interessante variazione costruita su uno svolgersi di campionamenti, il disco è non è dei migliori, e manca di spunti capaci di emozionare. A parte qualche singolo che fa da traino, i REM sembra che ormai si limitino a produrre dei discreti esercizi di stile e poco più: Saturn return e Summer turns to high sono per esempio due classici pezzi in punta di piedi su qualche rumore e qualche loop, che faticano ad uscire dal circolo della scrittura, pur pregevole, in cui sono stati concepiti. Rifare se stessi o tentare strade diverse è oggi il dilemma dei REM, che, a quanto pare, non riescono a sciogliere il dilemma e finiscono per rimanere vittime di una imbarazzante indecisione. “Reveal” è un disco costruito con esperienza, ma lontano dai tempi in cui la band di Athens faceva scorrere linfa nuova dalla lezione dei Beach Boys e dei Velvet Undeground.

Track Listings

1. Lifting
2. I've Been High
3. All the Way to Reno
4. She Just Wants To Be
5. Disappear
6. Saturn Return
7. Beat A Drum
8. Imitation of Life
9. Summer Turns To High
10. Chorus And the Ring
11. I'll Take the Rain
12. Beachball

Testi di REM

giovedì 10 aprile 2008

Motorpsycho - Little Lucid Moments


Artist: Motorpsycho
Title: Little Lucid Moments
Genre: Psycho Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Motorpsycho

È un grande piacere poter recensire questo nuovo album dei Motorpsycho, la nostra rock band norvegese preferita!!. Estremamente prolifici i Motorpsycho - il loro album di debutto Lobotomizer è datato 1991 - hanno ad oggi realizzato un gran numero di album (20), e guadagnatosi la reputazione di (ottima live band). Con Demon Box del 1993, i Motorpsycho sono diventati un riferimento costante per la maggior parte di rock band, dedite alla psichedelia. Oggi è più difficile dare un'etichetta alla musica dei tre Norvegesi, evidenti le molteplici influenze con tracce di; west coast, psichedelia, krautrock, punk, minimalismo, improvvisazione, e prog rock, il tutto in una fusione facilmente identificabile nel loro suono.

Little Lucid Moments è un vero e proprio trattato psycho-rock, con quattro lunghe ed energiche tracce (tra gli 11 e i 21 minuti) dove Bent Sæther e Hans Magnus Ryan spingono la creatività a nuove altezze e con il nuovo batterista Kenneth Kapstad (ormai in pianta stabile) a rinfrescare il drumming. La produzione del cd è affidata a Helge Sten e allo stesso Bent Sæther. Little Lucid Moments, è semplicemente un classico Motorpsycho album.
In uscita il (14 Aprile 2008)

Track Listings

1. Little Lucid Moments
2. Year Zero
3. She Left On The Sun Ship
4. Alchemyst

Testi di Motorpsycho

mercoledì 9 aprile 2008

Ashlee Simpson - Outside the Lines


















Artist: Ashlee Simpson
Title: Outside the Lines
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Ashlee Simpson

Outside the Lines, è il nuovo album della reginetta del pop americano Ashlee Simpson, sorella della ben più affermata (Jessica).
Le 11 canzoni di questo album, disegnano un suono marcatamente pop, già evidenziato dl singolo Outta My Head (Ay Ya Ya) uscito poche settimane fa prodotto da Timbaland, con l'altro inedito Rule Breaker, entrambi presenti nel cd. A cui è seguito Little Miss Obsessive, già ai primi posti nelle chart americane. (Import)

Track Listings

1. Outta My Head (Ay Ya Ya)
2. Boys
3. Rule Breaker
4. Can't Have It All
5. Little Miss Obsessive
6. Ragdoll
7. Bittersweet World
8. What I've Become
9. Hot Stuff
10. Murder
11. Never Dream Alone

Testi di Ashlee Simpson

Eugenio Bennato - Grande Sud


















Artist: Eugenio Bennato
Title: Grande Sud
Genre: Etnica
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Eugenio Bennato

Eugenio Bennato torna con un nuovo album dal titolo Grande Sud, 13 brani tra passato e presente. Dopo aver percorso l'Italia e l'Europa con un tour di alcuni mesi accolto con grande entusiasmo da critica e pubblico e dopo diverse settimane trascorse ad incidere canzoni - tra le quali il brano per la 58° edizione del Festival di Sanremo - Eugenio Bennato pubblica questo Grande Sud, dove energia e vitalità la fanno da padroni.

Il lavoro contiene 7 brani del repertorio dell'artista, reinterpretati e proposti in una veste nuova, sia nei ritmi che nell'esecuzione, e 5 canzoni inedite. Il singolo apripista del progetto è Grande Sud, composto con lo stile inconfondibile che contraddistingue da sempre l'artista napoletano. questo album è uno vero e proprio strumento di comunicazione, un percorso di grande fermento creativo che affonda le sue radici nella tradizione. Tante le partecipazione illustri; Francesco Loccisano (chitarra classica e battente), Mohammed Ezzaime El Alaoui (violino e voce), Roberto Menonna (percussioni e voce), Stefano Simonetta (basso e chitarra elettrica) unitamente alle vocalist e ballerine: Zaina Chabane, Sonia Totaro, Emma Esha Mbotizafi.

Track list:

01.Grande sud
06.02.Ai naviganti in ascolto
03.Taranta power
04.Ballata di una madre
05.Che il Mediterraneo sia
07.Grande sud
08.Una donna bella
09.Novella
10.L'anima persa
11.Sponda sud
12.Incanto
13.Lucia e la luna

Testi di Eugenio Bennato

Syria - Un' Altra Me


















Artist: Syria
Title: Un' Altra Me
Genre: Indie Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Syria

Un' Altra Me, è il settimo disco della cantante romana Syria, questa volta alle prese con il repertorio indie rock italiano. Uscito l’otto febbraio scorso, quest'ultima produzione ha colto tutti di sorpresa, sia pubblico che critica, presentando “un’altra Syria” che si adopera a rivitalizzare il meglio di uno scenario musicale indipendente a volte destinato a pochi. Un’altra me è un album comunque originale, dove l'unico vero inedito è "Momenti". Le altre canzoni, sono sono farina del sacco di: Perturbazione, Marta sui Tubi, Atletico Delfina, Non Voglio che Clara, Deasonika, Blume, Filippo Gatti, Mambassa e NorthPole. Di certo un progetto controcorrente e una una scelta difficile - quella di scegliere brani underground - ma probabilmente una necessità in un momento dove la musica pop italiana continua a segnare il passo!!

Tracklist:

01.La distanza
02.Prenditi cura di me
03.Le paure
04.Canzone d'odio
05.Non dimentico più
06.Cenere
07.L'antidoto
08.4 gocce di blu
09.Momenti
10.1968
11.Terra
12.Il modo migliore

Testi di Syria

Ascanio Celestini - Parole Sante


















Artist: Ascanio Celestini
Title: Parole Sante
Genre: Cantautore
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Ascanio Celestini

Ascanio Celestini è, insieme a Marco Paolini, il maggior esponente del teatro civile italiano. Al suo debutto discografico, riprende in “Parole sante” i temi dello spettacolo “Appunti per una lotta di classe”, durante il quale esegue molti dei pezzi presenti nel disco: nuovo precariato, nuove povertà, opportunismo della politica, memoria storica della Resistenza tradita, abusi nei manicomi. Le sonorità sono quelle tipiche del cantautorato italiano, la voce ricorda in molti punti quella del grande Fabrizio De Andrè. Vale la pena, perciò, ascoltare il lavoro di Celestini apprezzando la notevole dote del saper fondere impegno, ironia e malinconia per una vecchia Italia semplice e popolare, lontana anni luce da quel paese di furbi e centri commerciali in cui ci tocca vivere.

Tracklist

01. La Rivoluzione
02. Il Popolo È Un Bambino 1
03. Il Mondo Dei Bruchi
04. Cadaveri Vivi
05. Il Popolo È Un Bambino 2
06. Poveri Partigiani
07. Noi Siamo Gli Asini
08. Fino A Che Sono Stato Chiamato
09. La Casa Del Ladro
10. Il Popolo È Un Bambino 3
11. La Morte Del Disertore
12. L’Amore Stupisce
13. Parole Sante
14. Il Popolo È Un Bambino 4

Testi di Ascanio Celestini

Los Campesinos! - Hold on Now Youngster


















Artist: Los Campesinos!
Title: Hold on Now Youngster
Genre: Indie Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Los Campesinos!

Sono in sette, vengono da Cardiff e mostrano una spiccata propensione all’indie-caos organizzato. Musica divertente e contagiosa che farà ballare anche la vostra testa. Già segnalatisi con un EP, compiono il salto sulla lunga distanza senza affanni e slanci rinnovati. Pe questo album di debutto la produzione è affidata al Broken Social Scene Dave Newfeld, che esalta le sghembe architetture del combo, sin dall’iniziale e già famosa “Death to Los Campesinos!” appare una versione debitamente aggiornata delle famigerate Teste Pensanti. Ritmi vorticosi e continui botta e risposta tra i vocalist maschile e femminile fanno di questo “Hold on now, youngster…” uno dei dischi più spensierati e divertenti di inizio anno.

Track Listings

1. Death To Los Campesinos
2. Broken Heartbeats Sound Like Breakbeats
3. Don't Tell Me To Do The Math(s)
4. Drop It Doe Eyes
5. My Year In Lists
6. Knee Deep At ATP
7. This Is How You Spell Ha Ha Ha We Destroyed The Hopes And Dreams Of A Generation Of Faux Romantics
8. We Are All Accelerated Readers
9. You Me Dancing
10. ...And We Exhale And Roll Our Eyes In Unison
11. Sweet Dreams Sweet Cheeks

Testi di Los Campesinos!

lunedì 7 aprile 2008

Tre Allegri Ragazzi Morti - La seconda rivoluzione sessuale

Tre Allegri Ragazzi Morti

Artist: Tre Allegri Ragazzi Morti
Title: La seconda rivoluzione sessuale
Genre: Punk rock
Release Year: 2007
Type: New release
Audio: CD

La seconda rivoluzione sessuale è il quinto album in studio della nota band friulana che si esibisce in pubblico con il volto coperto da maschere/teschio.

Il trio, composto da Davide Toffolo, Enrico Molteni e Luca Masseroni, da oltre dieci anni attivo nella scena indie italiana, arriva a La seconda rivoluzione sessuale dopo il tour del 2005 in Sudamerica; quest'ultima esperienza dona al trio di Pordenone un groove più dance, pur mantenendo l'immediatezza solita del sound della band.

Tutti i brani sono scritti dai Tre allegri ragazzi morti (TARM), tranne Mio fratellino ha scoperto il rock and roll, di Art Brut e tradotta in italiano da Davide Toffolo.

Tracklist:

01. Come ti chiami? 02:47
02. Allegria senza fine 03:23
03. Il mondo prima 02:36
04. L'impegno 03:58
05. Lorenzo piedi grandi 03:41
06. In amore con tutti 03:52
07. La sindrome di Bangs 04:10
08. La sorella di mio fratello 04:52
09. La salamandra 02:39
10. La poesia e la merce 03:30
11. Ninnanannapernina 04:22
12. Mio fratellino ha scoperto il rock'n'roll 02:27

The Darkness - The Platinum Collection


















Artist: The Darkness
Title: The Platinum Collection
Genre: Glam Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD
Total Runtime: 77:15 min
Label Rhino

Testi di The Darkness

The Darkness, tutta la la loro breve storia raccolta in questo The Platinum Collection, edito dell'Americana Rhino. Questa collection, racconta l'ascesa e la caduta della glam-hard-rock band più famosa dell'ultimo decennio: The Darkness, ai tempi presentati come gli eredi dei Queen!! Con due soli album all'attivo il gruppo dei fratelli Hawkins, irruppe sulle scene nel 2003 con Permission to Land, e un singolo I Believe In A Thing Called Love arrivato al numero uno in UK. Poi i problemi di tossicodipendenza di Justin Hawkins - leader e voce del gruppo - a dare il la all'inarrestabile declino. Nel 2005 arrivò il secondo disco One Way Ticket to Hell And Back, risultato decisamente sotto tono. Poi il mai annunciato scioglimento, ma di fatto i Darkness non esistono più. E' di pochi giorni fà infatti l'annuncio della reincarnazione della band (Senza Justin) nei nuovi Stone Gods, freschi di un Ep pubblicato il 25 febbraio. The Platinum Collection (per chi si è perso qualcosa) raccoglie le migliori cose della band inglese, dal primo singolo I Believe In A Thing Called Love, passanda a One Way Ticket, alla canzoncina natalizia pubblicata nel 2003 Christmas Time (Don't Let The Bells End), uscita a suo tempo solo come singolo. The end!!

Tracklist:

01.I Believe In A Thing Called Love [03:38]
02.One Way Ticket [04:27]
03.Love Is Only A Feeling [04:20]
04.Is It Just Me [03:07]
05.Growing On Me [03:30]
06.Girlfriend [02:35]
07.Get Your Hands Off My Womman [02:47]
08.Black Chuck [03:21]
09.Givin' Up [03:36]
10.Stuck In A Rut [03:19]
11.Friday Night [02:57]
12.Love On The Rocks With No Ice [05:57]
13.Holding My Own [04:56]
14.Knockers [02:45]
15.Dinner Lady Arms [03:18]
16.Seemed Like A Good Idea At The Time [03:36]
17.Hazel Eyes [03:27]
18.Bald [05:33]
19.English Country Garden [03:08]
20.Blind Man [03:26]
21.Christmas Time (Don't Let The Bells End) [03:32]

Testi di The Darkness

domenica 6 aprile 2008

CeCe Winans - Thy Kingdom Come


















Artist: CeCe Winans
Title: Thy Kingdom Come
Genre: Soul, gospel, r&b, funk
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

La famiglia Winans è sempre stata sinonimo di musica gospel. Questo famiglia combina da sempre armonie vocali soul-gospel, con alcuni dei più riflessivi e personali testi del vangelo e nella parola di Dio. La loro musica nonostante le tematiche religiose trattate, ha sempre avuto regolare programmazione nelle radio fm Americane, e non solo la domenica mattina. Un'indicazione chiara che anche se non si tratta di musica pop, perchè in America la musica quando ha valore artistico lo spazio per l'airplay lo trovano!! (Ma qui parliamo dell'America). Quindi, nessuna sorpresa se nell'ultimo disco di CeCe Winans, Thy Kingdom Come, i testi ruotano intorno a testi religiosi. Però Thy Kingdom Come, non è solo musica gospels. Il disco suona soul, r&b e funk, ed è un album per chi ama la bella musica, il bel canto, (La CeCe ha una voce bellissima), le parti corali, e con un elemento fondamentale: le belle canzoni!! Ascoltate il funk di Ain't It Over, degna di una Chaka Khan, o il mid-tempo di Waging War, la soul ballad orchestrata di Thy Will Be Done. Questo è uno disco che ti afferra immediatamente, ti fa venire i brividi, e ti incoraggia all'ascolto tanti sono gli elementi da scoprire ascolto dopo ascolto.
In uscita il (7 Aprile 2008)

Tracklist:

1. We Welcome You (Holy Father)
2. Forever
3. Thy Will Be Done
4. Worthy
5. It Ain't Over
6. Waging War
7. Test of Time
8. I'll Live for You
9. Bless His Holy Name
10. Oh Holy Place
11. You're the One
12. Coast Is Clear
13. Falling in Love
14. Million Miles

Fabrizio Moro - Domani


















Artist: Fabrizio Moro
Title: Domani
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Fabrizio Moro

Un album pieno di amore e di passione ma anche di belle musiche e parole pesanti, così si potrebbe definire in breve questo "Domani" che include naturalmente anche "Eppure mi hai cambiato la vita" il brano presentato a Sanremo 2008. La stragrande maggioranza delle canzoni sono state scritte da Fabrizio stesso, il quale ha un talento naturale per far arrivare al pubblico il suo pensiero, dopo la canzone "Pensa" era stato etichettato come un cantautore impegnato, in realtà non lo è, lui vuole solo dire la sua, ed a giudicare da "Domani" ci riesce molto bene.

La Tracklist:

1. Domani
2. Svegliati
3. Eppure mi hai cambiato la vita
4. Libero
5. Sembra impossibile
6. Gastrite
7. È solo amore
8. Non importa
9. Seduto a guardare
10. Devi salvarti
11. Un'altra canzone per noi

Testi di Fabrizio Moro

Nazareth - The Newz


















Artist: Nazareth
Title: The Newz
Genre: Rock
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Quando si dice: non mollare mai!! I Nazareth, una delle rock band più influenti del Regno Unito, (sicuramente la più importante band Scozese), con alle spalle una carriera lunga 40anni, contribuendo non poco a creare quel fenomeno musicale che risponde al nome di hard rock!!. Depositari di un suono potente, intregro e senza tanti fronzoli, i Nazareth, hanno avuto la epopea tra gli anni 70/80, con diversi album tutti di notevole fattura: Hair of the Dog, Razamanaz, Rampant e Snaz, quest'ultimo poi considerato uno dei migliori 10 album live-rock di sempre. E un hits: la rock power ballad "Love Hurts" (diventata una delle più famose rock ballad della storia).

Nemmeno la morte del batterista Darrel Sweet avvenuta nel 1999 (attacco di cuore) ha scalfito la tenacia degli storici componenti della band, che con l'innesto di Lee Agnew (figlio del bassista Pete Agnew) arrivano fino ai giorni nostri, e realizzano questo ennesimo album: The Newz. Le tredici tracce sono un rinvigorito hard rock, sempre guidato dalla voce certavetrata di Dan McCafferty, e una forma a dirsi poco smaliante, così; come se i Nazareth, fossero una band rock con l'entusiasmo degli esordi.

Track Listings

1. Goin' Loco
2. Day At The Beach
3. Liar
4. See Me
5. Enough Love
6. Warning
7. Mean Streets
8. Road Trip
9. Gloria
10. Keep On Travellin'
11. Loggin' On
12. Gathering
13. Dying Breed

venerdì 4 aprile 2008

Moby - Last Night


















Artist: Moby
Title: Last Night
Genre: Elettronica
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Moby

Last Night, lultima prova dell'eclettico artista newyorchese Moby, non risulta all’altezza dei lavori precedenti. I quattordici brani del cd sono un dichiarato ritorno alla dancefloor, con ammiccamenti disco anni ’70, che di questi tempi non è proprio idea originale. Vedi (Madonna). Sarà che Richard Melville Hall ci aveva abituato bene in passato, con lavori che guardavano sempre avanti, ispirati e innovativi, ma qui Moby si è perso un'occasione. Le quattordici tracce (più una hidden track) di Last Night sono fiacche e ripetitive, e ripropongono un’elettronica soft degna di una discoteca all'ora di chiusura. Nel cd mancano brani di punta, salvo il rap e l'R&B di Alice presa come primo singolo, o di I Love To Move In Here, oppure con qualche venatura vintage come in Hyenas, cantata da una calda voce femminile in francese, che di questi tempi fa tanto Carla Bruni. Prodotto e registrato nel suo studio a Manhattan, il disco vede uno spiego di vocalist senza risparmio: dalla Britannica MC Aynzli, a Sylvia Gordon, Kudu, Yoruba la voce Nigeriana, 419 Crew, e Grandmaster Caz, l'hip-hopper di Rapper's Delight.
In uscita il (12 Maggio 2008)

Track Listings

1. Ooh Yeah
2. I Love To Move In Here
3. 257.zero
4. Everyday It's 1989
5. Live For Tomorrow
6. Alice
7. Hyenas
8. I'm In Love
9. Disco Lies
10. The Stars
11. Degenerates
12. Sweet Apocalypse
13. Mothers Of The Night
14. Last Night

Testi di Moby

Max Gazzè - Tra L’aratro E La Radio


















Artist: Max Gazzè
Title: Tra L’aratro E La Radio
Genre: Pop
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Max Gazzè

Con la partecipazione di Max Gazzè al Festival di Sanremo, la musica Italiana, e il festival stesso, si è sicuramente arricchito! Il risultato in effetti è stato sorprendente. La sua canzone “Il Solito Sesso” risulta essere tra le più scaricate in internet, e tra le più programmate dalle radio. Ottimo direi, se si considera la sua presenza al rinomato festival Italiano solo ed esclusivamente per promuovere il nuovo disco Tra L’aratro E La Radio. (Ovvio) Il cd ti conquista ascolto dopo ascolto, e musicalmente è risulta ricco di sfumature, pop-rock, così come Gazzè ci ha da sempre abituato. I testi sono pieni di giochi lessicali e divertissement, spesso introspettivi, a volte anche piccoli affreschi di vita quotidiana. Guest star Marina Rei e Carmen Consoli.

Tracklist:

01 L’evo dopo il medio
02 Il solito sesso
03 Siamo come siamo
04 L’ultimo cielo
05 Crisalide
06 Mostri
07 Elogio alla sublime convivenza
08 Camminando piano
09 Tornerai qui
10 Il mistero della polvere (così in cielo come in terra)
11 Vuoti a rendere

Testi di Max Gazzè

Mariah Carey - E = MC2


















Artist: Mariah Carey
Title: E = MC2
Genre: Pop, soul, r&b
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Mariah Carey

Mariah Carey, la diva pop-R&B di maggior successo come vendite e popolarità di tutti i temmpi, pubblica finalmente il nuovo album E = MC2, dopo tre anni di continui ripensamenti, rinvii, dubbi, cambiamenti e canzoni registrate e poi messe da parte. Dell'album - 14 canzoni - già conosciamo Touch My Body, uscito come singolo qualche settimana fà, è balzato immediatamente ai primi posti delle chart internazionali. Il resto dell'album poco si discosta dai lavori precedenti della diva, nonostante il prodigarsi alla produzione di Antonio 'LA' Reid, boss tutto fare della Def Jam record, (Toni Braxton, TLC, Usher, OutKast, Dido e Pink), e della stessa Mariah. Un pò tutti i brani ripetono il clicet degli ultimi lavori (tanto criticati) The Emancipation OfMimi in testa, dove veniva imputata alla Carey, la mancanza di brani significativi, ballad o mid-tempo che fossero. Qui lo sforzo però c'è, e si sente in canzoni come I Stay In Love, I'll Be Lovin' U Long Time e Thanx 4 Nothin', dove - non potendo discutere le capacità vocali di Mariah, sempre al massimo - si è lavorato molto più sulla ricerca della canzone perfetta, che sui suoni o sulle parti ritmiche. E il risultato si sente. Il resto delle traccie poi rimane su alti livelli. Ben tornata Mariah!!! Nothing to say!!!
Guest del disco: Damian Marley e l'omnipresente T-Pain.
In uscita il (14 Aprile 2008)

Track Listings

1. Migrate
2. Touch My Body
3. Cruise Control
4. I Stay In Love
5. Side Effects
6. I'm That Chick
7. Love Story
8. I'll Be Lovin' U Long Time
9. Last Kiss
10. Thanx 4 Nothin'
11. O.O.C.
12. For The Record
13. Bye Bye
14. I Wish You Well

Review
Years of silly non-musical antics (and non-musical music) have dulled the memory for most of us, but there was a time – the summer and fall of 1990, to be precise – when Mariah Carey seemed like she was destined for capital-g Greatness. Her debut single, “Vision of Love,” was arguably one of the last truly cross-genre smashes in modern pop; whether you were into metal, rap, or rock & roll, you had to sit up and pay attention to the towering voice spilling out of that young girl in the black bodysuit. If you’re going to make your public debut with a song that sounds for all the world like a second cousin to “At Last,” you’d better have balls or pipes. Carey proved right out of the gate that she had both in spades; as it turned out, it would be a lack of common sense that would chip away at all that early promise.

She’s never really stopped selling records, of course, but Carey’s career has been a long study in trading breadth of appeal for continued relevancy with the same demographic she targeted almost 20 years ago – namely, heartsick teenagers. Like Janet Jackson and Madonna, Carey gives the impression of someone obsessed with sounding current; her days of trendsetting are behind her, so each new album is stacked with tracks from whichever producers have notched the most hits for younger, hipper R&B artists in the months since her last release. It’s a cynical way of making records, but if you’ve got the right material, it’s still an effective one – witness “Touch My Body,” this album’s leadoff single, which shot to Number One just before E=MC2’s release, giving Carey a record-setting 18 chart-toppers.

That kind of commercial success is awfully hard to argue with, but critics have been doing it essentially non-stop since Carey released her second album. There are plenty of reasons for this, but the most important one is probably this: Unlike Janet and Madonna, Mariah Carey can actually flat-out sing, so her constant trendjacking comes across as unusually craven and lazy.

And then there’s the matter of her, for lack of a better term, lyrical focus. For a woman who’s nearing 40, Carey seems unusually susceptible to the kind of all-consuming, hearts-in-the-margins, us-against-the-world love (or is that luv?) affairs that most of us remember from our teenage years. Just as her albums’ production has struggled breathlessly to keep up with whatever the kids are listening to, so have her lyrics remained stubbornly focused on the feelings of not-too-bright college sophomores everywhere. In the context of her other records, E=MC2 is no more or less guilty of this – but still, listening to Carey flutter around “the club,” or whimper to her boyfriend about how the world just doesn’t understand their love, is often unintentionally funny. Odds are, you have an embarrassing aunt (or, God forbid, mother) who talks like this – which raises the uncomfortable question of whether, if Carey wasn’t one of the most successful recording artists in history, she’d be wolfing Cheetos and crying through the latest episode of “Dr. Phil.”

Okay, so given all that, why the three and a half stars?

It comes down to this: Regardless of whether or not Carey’s albums have taken advantage of her natural ability – and they haven’t – it doesn’t matter, because the path she’s chosen is one of craft over passion, and E=MC2 is one solidly crafted album. Sure, it’s got its flaws – it surely didn’t need to be 14 songs long, for one thing; for another, it’s getting a little creepy listening to Carey sing kiss-off songs to Tommy Mottola over a decade after their divorce, and also, hearing her slip into Jamaican patois during “Cruise Control” is a classic bit of hilarious foolishness – but there are a lot of bulletproof pop songs in here. “I Stay in Love” (as in, “I stay in love witchoo”) is just waiting to soundtrack a thousand tearstained YouTube confessionals; “Love Story” is an irresistible midtempo ballad; and “I’ll Be Lovin’ U Long Time” will be a hit (it’ll also, God willing, inspire an Eric Cartman remix, but that’s another story).

As she’s proven repeatedly, Carey’s audience doesn’t care whether she’s glomming onto trends, or whether she’s guilty of talent-squandering on par with Michelangelo giving up painting to draw Garfield cartoons; they only care whether she hits that soft sweet spot between pop and R&B – and with E=MC2, she’s done it again. If you’ve been counting the days until Carey is forced to simply strap on an evening gown and let her voice do the work for her, get ready to keep on counting.

Testi di Mariah Carey

Tricarico - Giglio


















Artist: Tricarico
Title: Giglio
Genre: Pop Cantautore
Release Year: 2008
Type: New release
Audio: CD

Testi di Tricarico
Ascoltando questo nuovo album di Francesco Tricarico, è difficile non pensare a come ogni canzone rimandi a un artista della canzone italiana di ieri. Questo Giglio; terzo album del cantautore milanese, spazia tra la musica di ieri catturandone l'essenza, e con sapiente mestiere e originalità, fonderla con il presente, riempiendo le canzoni con note di contemporaneità. La musica che ci regala l'autore di "Io sono Francesco" non vada subito all'orecchio, ed ha bisogno di tempi lunghi per metabolizzarla. Ma le 11 canzoni presenti nel disco, confermano tutta la bravura e l'originalità già ampiamente espressa anche in passato, e che si manifesta non con la musica, ma nei testi, a volte magicamente assurdi, a volte pieni di verità, profondi e ricercati. A parte il brano portato a Sanremo 2008 "Vita Tranquilla" che conosciamo bene, spiccano nel disco anche: Eternità, Pomodoro, Cosa vuoi adesso e Libero.

La Tracklist:

1. Oroscopo
2. Vita tranquilla
3. Eternita'
4. Un'altra possibilita'
5. Pomodoro
6. Cosa vuoi adesso
7. Ghiaccio
8. Fili di tutti I colori
9. Il mio amico
10. Gigliobianco
11. Libero

Testi di Tricarico

Plumb - Blink


















Artist: Plumb
Title: Blink
Genre: Christian Rock
Release Year: 2007
Type: New release
Audio: CD

Un quinto album questo "Blink" che se ne frega delle classifiche e continua nella sua sperimentale e variegata proposta di una musica senza confini e etichette, ma senza perdere di vista la fede e i sentimenti.

Tiffany Arbuckle Lee in arte "Plumb", cantautrice americana ai più sconosciuta, e fautrice di quel filone che si identifica nell' (alternative Christian music), dalle sonorita (sognanti-elettro-intimistiche) ci guida con questo nuovo quinto album, in un viaggio tra i suoi delicati, soffici, sognanti e religiosi quadri sonori; "My Sweet, My Lovely, God Will Take Care Of You e In My Arms". Musica ad ampio respiro dove tutti gli strumenti dal violino al carillon, "Children Of the Heavenly Father", trovano giusta collocazione nelle canzoni fino a colpire l'immaginazione nel profondo. A meta strada tra Enya e Aimee Mann, la bella Tiffany, da prova di mestiere e sa colpire nei sentimenti; My Child, e Children Of the Heavenly Father.

Tracklist:

1. My Sweet, My Lovely
2. God Will Take Care Of You
3. In My Arms
4. Always
5. Children Of the Heavenly Father
6. Blink
7. My Child
8. Me
9. Sleep
10. Solomon's Song

James Taylor - One Man Band


















Artist: James Taylor
Title: One Man Band
Genre: Country, pop, rock
Release Year: 2007
Type: New release
Audio: CD Live

Testi di James Taylor

Per Mr.Taylor, credo non ci sia più bisogno di presentazioni. Depositario di una carriera pluri decennale e dischi memorabili, il cantautore di Belmont,(Massachusetts) ritorna con un album dal vivo "One Man Band".

One Man Band però fino ad un certo punto!! Uno si immagina un disco concerto voce e chitarra, come a volte ci ha abituato Taylor. Eh no!!…lentamente, (si inizia con) Something In the Way She Moves solo accompagnato dalla chitarra e canzone dopo canzone, Never Die Young, The Frozen Man, il piano arrichisce il sound e la band lentamente si compone con nuovi elementi e la musica prende sempre più corpo. E così i suoi brani più celebri da Country Road, My Traveling Star, Steamroller Blues, Sweet Baby James, Fire And Rain e Yu've Got a Friend, dalla penna di King-Goffin, passano tutte una ad una dando vita ad un nuovo concerto memorabile. Buon ascolto. Un altro capolavoro. Certo, canzoni che ben conosciamo, ma oggi hanno un valore aggiunto "il tempo le ha rese più belle e immortali".
In uscito il 19 novembre 2007

Tracklist:

1. Something In the Way She Moves
2. Never Die Young
3. The Frozen Man
4. Mean Old Man
5. School Song
6. Country Road
7. Slap Leather
8. My Traveling Star
9. You've Got a Friend
10. Steamroller Blues
11. Secret O' Life
12. Line 'Em Up
13. Chili Dog
14. Shower the People
15. Sweet Baby James
16. Carolina In My Mind
17. Fire And Rain
18. Copperline
19. You Can Close Your Eyes

Testi di James Taylor

Massimo Priviero - Rock and Poems


















Artist: Massimo Priviero
Title: Rock and Poems
Genre: Rock
Release Year: 2007
Type: New release
Audio: CD

Testi di Massimo Priviero

Uscito il primo novembre 2007, Rock and Poems, è il nuovo album di Massimo Priviero. Il rocker italiano realizza un viaggio dentro i grandi classici dei '60/'70 rileggendo, riarrangiando e rivivendo Dylan, Waits, Springsteen, The Eagles e tant'altro.

Nell'album compaiono anche due inediti che rinforzano un lavoro davvero carico di energia vocale, di emozione e di poesia. Molto lontano dall' idea di un cover album, piuttosto un omaggio alla musica di cui in gran parte siamo figli e che ha segnato la strada maestra, rivissuta con forza e con "sangue, sudore e lacrime"... "Iniziai a suonare da ragazzino, a metà dei '70", spiega Priviero, "perché qualcuno mi regalò un disco di Bob Dylan. Il mio sogno non era di far dischi, né di aver successo, ma era quello di suonare "Mr.Tambourine Man" in giro per le strade d'Europa.

"Blowing In The Wind" è la prima canzone che ho suonato. E' stata fatta in mille modi, ma mi è piaciuto rincontrarla in questomio viaggio, così come "The Sound Of Silence, di Simon & Gartfunkel, "Desperado" degli Eagles, o "Have You Ever Seen The Rain", dei Credence Clearwarer Revival.

E "Blowing In The Wind" da lunedì 29 ottobre sarà il primo singolo estratto dall'album. Una nota particolare è per il brano, "Resistance" (versione inglese di "Dolce Resistenza", la title-track dell'ultimo album italiano dell'artista, presente anche in questo disco.

Tracklist:

1. Blowing in the wind
2. The sound of silence
3. Resistance
4. Chimes of freedom
5. Ol ‘ 55
6. The promises land
7. The great pretender
8. Desperado
9. Marchin' On
10. Have you ever seen the rain
11. Lily of the west
12. We shall overcome

Testi di Massimo Priviero